Scivolare.it

Scialpinismo in Armenia

Pubblicato il: Non Disponibile Commenti non abilitati

Paradiso dimenticato del Caucaso
Dell’Armenia in passato si sapeva che faceva parte dell’ex Unione Sovietica , che poi fu travagliata dal conflitto con l’Azerbaigian per le dispute territoriali nella regione del Nagorno-Karabakh, ma soprattutto era conosciuta per l’abominevole genocidio subito dal suo popolo nel 1915 ad opera di una Turchia dilaniata da un cambiamento epocale ed esasperata dal timore di esser smembrata dalle potenze europee dell’epoca . Sotto l’Unione Sovietica a noi occidentali non era permesso accedervi, ma poi con la sua dissoluzione Paolo Vitali e Sonja Brambati furono probabilmente tra i primi Italiani a scoprire le bellezze di queste montagne caucasiche così ricche di storia e cultura . Grazie anche alle loro preziose informazioni e ai misteriosi paesaggi che scorgemmo anni fa dall’Ararat prese piede quest’idea di andare a fare dello scialpinismo su queste montagne remote . Per questioni di tempo e praticità ci siamo rivolti ad un’agenzia locale, mossa che si è rivelata vincente, con la creazione di un mix di scialpinismo e immersione nel vasto patrimonio culturale locale veramente notevole, a dispetto delle condizioni nivometereologiche non sempre ottimali . Se qualche giorno il tempo era inclemente, ci si rifaceva abbondantemente con il cibo veramente eccezionale e senza lesinare poi sul vino locale, un autentico nettare . Non mi soffermo poi sul brandy o lo slivovitz, sennò alimenterei nei lettori il sospetto di una spedizione di ubriaconi … . Come prima impressione sembra di esser ritornati nella Jugoslavia anni 70; le campagne sono un po’ trasandate e fangose e le città risentono dell’architettura di partito imposta dal soviet che fu , ma i vari siti archeologici , le chiese e tutto ciò che riguarda il passato sono di ben altro tenore, con atmosfere inusuali e fantastiche, grazie anche ai panorami che li circondano . Anche le montagne, una volta lasciati gli ultimi agglomerati rurali, ti fanno entrare in un’atmosfera di irreale solitudine, dove ti fai trasportare dagli elementi, non sempre clementi con chi percorre queste lande montuose . Questo in definitiva è il vero aspetto del Caucaso .

Paolo Pezzolato