Scivolare.it

Tecnica di discesa nello scialpinismo

Pubblicato il: Commenti non abilitati

III LIVELLO
Il terzo livello si caratterizza per il cristiania di base, una categoria di esercizi introdotta con l’obiettivo di rendere più graduale l’apprendimento nel passaggio dalla curva di base al cristiania propriamente detto. Negli esercizi del terzo livello, oltre ai movimenti fondamentali di rotazione degli arti inferiori, azione sterzante , slittamento e parallelismo, compare la prima, seppur minima, traslazione finalizzata al cambio degli spigoli. L’angolazione è modesta, con un sensibile sbandamento degli sci in curva. I movimenti di piegamento-distensione sono eseguiti con scarsa gradualità. Gli esercizi del terzo livello prevedono una sequenza di curve, cioè una concatenazione continua di curve senza diagonali. Nel cristiania di base del terzo livello, vengono eseguiti gli esercizi nei tre diversi archi di curva, con ampiezza determinata: medio, medio-filante, breve.

Cristiania di base ad arco medio Sequenza di cristiania di base ad arco medio. Intervento prevalente dell’asse bacino-ginocchia. Orientamento del corpo (busto) rivolto leggermente verso valle. Esercizio adatto su terreno di media pendenza, con una certa velocità.

Cristiania di base ad arco medio-filante Sequenza di cristiania di base ad arco medio-filante. Intervento prevalente dell’asse ginocchia-piedi. Orientamento del corpo (busto) rivolto costantemente verso valle. Esercizio adatto su terreno di media pendenza.

Cristiania di base ad arco breve Sequenza di cristiania di base ad arco breve. Intervento prevalente dell’asse ginocchia-piedi. Orientamento del corpo (busto) rivolto costantemente verso valle. Esercizio adatto su terreni ripidi e/o stretti, con bassa velocità.

Nel terzo livello sono compresi altri esercizi quali:
- il superamento di gobbe e cunette (utile per apprendere la tecnica dell’assorbimento)
- la curva con salto (esercizio esclusivo dello sci-alpinismo, prodotta da un movimento di piegamento-distensione con rimbalzo, utile su pendii ripidi e/o su nevi difficili).

Il terzo livello costituisce il requisito minimo per l’ammissione ai corsi di formazione per Istruttori regionali di sci-alpinismo del CAI (ISA).