Scivolare.it

DOLOMITI FRIULANE - FORCELLA PECOLI / TACCA DEL CRIDOLA

Inserita il: 02/03/2016 Ci sono 7 commenti
Immagine dimostrativa che non riguarda l'itinerario

Martedý in bus da Trieste e qualche km in bici. Forcella Pecoli con ottima polvere fino alla strada per il rif. Giaf. Piccola variante per l'immancabile e irresistibile canalino E pochi metri sotto la sella. Buone pendenze e neve stupenda, appena un po' ventata nella parte alta.

Notte a forni di sotto e mercoledý in auto fino al passo della Mauria oltre per 6 km, dove parcheggiamo. Da qui su fino alla tacca del Cridola. Anche qua, come il giorno prima, in basso la neve ha giÓ trasformato, ma appena saliamo un po' ed entriamo nell'ombra cominciamo a battere traccia nella polvere. Su per pendii a volte un po' delicati (non sapevamo che nel frattempo il pericolo era stato abbassato a 2), ma sempre molto stabili. Discesone da urlo, nonostante il peggioramento del meteo che riduce un po' la visibilitÓ. Su una vecchia relazione la danno OSA nella parte finale, ma penso che sia pi¨ un BS.

Insomma due gitoni con ottima neve e gran sfaticata. Sceso tardissimo entrambe le volte, la polvere era rimasta intatta. Grazie a Piero per la compagnia ed a Intuition per il supporto. Alla prossima!


Foto

Commenti a questo itinerario:

  1. giovanni dice:

    Preferirei che la redazione di Scivolare non pubblicasse informazioni su gite dove la valutazione del pericolo risulta cosý superficiale. "Pui cul che sintiment" ("pi¨ culo che giudizio")

  2. Roberto dice:

    Grande Ivano, come sempre ottima relazione, anche a me la Tacca sembra pi¨ un BS, e....."viva lÓ e po bon"..............

  3. ivano dice:

    @giovanni La "redazione" non "pubblica" le relazioni, lo fanno gli utenti e non c'Ŕ moderazione, quindi Ŕ tutta colpa mia ;) Cos'Ŕ di specifico che ti infastidisce? La neve era stabile, il bollettino di due giorni prima dava pericolo 3 in calo. Quello del giorno stesso, uscito alle 14, dava 2. Una vecchia guida di Matteo Moro (mi pare) dÓ OSA la parte alta della Tacca del Cridola, ma col tempo il livello medio si Ŕ alzato (anche grazie al progresso nei materiali), e credo che ra verrebbe valutata diversamente.

    Pace e polvere, i

  4. Massimo dice:

    La parte finale della Tacca non Ŕ pi¨ classificata OSA ma BS.

  5. Francesco De Bona dice:

    Solo per dovere di cronaca: "Dai Tauri all' Adriatico", Matteo Moro, 1988, la classifica OSA. "Scialpinismo in Carnia", Scuola C. Florianini, 2009, la classifica, BS, OS gli ultimi 150 m. Va anche osservato che la guida di Moro ne suggerisce la percorrenza nel periodo Marzo-Maggio (ahimŔ ecco in cosa sono davvero cambiati i tempi...) e quindi Ŕ ragionevole ritenere che non venisse affrontata con neve farinosa, ma probabilmene in condizioni molto piu' impegnative. Piuttosto che alimentare la polemica, prenderei atto di una preoccupante evoluzione nello stile di Ivano; come si evince dalla sua ultima relazione (Matajur), gita effettuata facendo uso dell' AUTO su pendenze addirittura INFERIORI ai 30 gradi!

  6. Massimo dice:

    Al di la delle polemiche,ho tutte le guide citate e so bene la valutazione,ma le nuove guide pubblicate in Veneto in anni recenti,danno BS. Inoltre avendola percorsa svariate volte,a mio giudizio Ŕ BS e non di pi¨. Saluti.

  7. ivano dice:

    Grazie Francesco della preoccupazione. La paranoia da valanghe fa brutti effetti, ma non temere, ho delle idee :)

Lascia un commento