Scivolare.it

TOTES GEBIRGE - GROSSES TRAGL

Inserita il: 21/12/2015 Nessun commento
Immagine dimostrativa che non riguarda l'itinerario

Si prende l’autostrada per Salisburgo e si esce dopo la seconda galleria dei Tauri a Radstadt, quindi si prosegue verso est in direzione di Graz fino al bivio per Bad Mitterndorf, che si raggiunge. Da qui parte una strada a pagamento che porta ai 1600 metri di Tauplitz Alm, splendido balcone rivolto a sud e caratterizzato da una serie di doline, vallette e laghi attraversati solo da piste innevate che collegano le numerose Hutte dalla caratteristica architettura in legno in un ambiente davvero ameno e rilassante. Si lascia la macchina al parcheggio e si attende che una motoslitta vi venga a prendere per portarvi nella struttura che avete scelto per pernottare. In questi luoghi si circola solo a piedi o, meglio, con gli sci ai piedi; la conformazione è ideale per lo sci di fondo, ma non mancano impianti per lo sci da discesa. La località consente anche qualche gita scialpinistica, la più nota è quella al Grosses Tragl. La gita obbliga ad attraversare tutto l’altopiano che è tutt’altro che piano; dopo quasi un’ora di continui saliscendi iniziamo la vera salita che si svolge senza particolari difficoltà in un ambiente carsico che ricorda il nostro Canin. Sebbene di neve non ce ne sia moltissima, la gita si può effettuare senza compromettere le solette, bisogna però essere consapevoli del fatto che per nella parte bassa della discesa, se, come noi, non si imbocca il canale giusto, la ripidezza e i mughi rendono la sciata piuttosto travagliata. Ovviamente al ritorno i saliscendi sono scendi e sali…Se tuttavia si considera che questa è probabilmente una delle poche gite possibili in questi giorni nelle alpi nord-orientali, si possono accettare questi disagi. Ovviamente le quasi quattro ore di macchina sono giustificate se ci si ferma almeno un paio di giorni, magari portando con se gli sci da fondo o la attrezzatura da discesa. Caterina, Michele e Camilla.


Commenti a questo itinerario:

Lascia un commento