Scivolare.it

MANGART - FORCELLA LAVINA

Inserita il: 25/02/2012 Ci sono 10 commenti
Immagine dimostrativa che non riguarda l'itinerario

Partiti con gli sci ai piedi dal lago superiore di Fusine, nel bosco c\'è pochissima neve (volevo tornare in dietro), poi si arriva alla salita vera e propria e li la neve c\'era, manmano che si sale si fa sempre più interessante, la neve è pesante ma sciabilissima. Tornando in dietro abbiamo seguito il fiume, impegnativo al inizio, ma almeno non disfi gli sci. Tutto sommato è stata una bella gitta, Moira mancavi solo tu ciao a tutti e buone sciate. :-)


Commenti a questo itinerario:

  1. Andrea dice:

    oggi 26/02/2012, questa gita è assolutamente da sconsigliare, causa manto nevoso rovinato e quasi insciabile. nella parte bassa molti sassi affioranti.

  2. Enrico dice:

    Incredibile ! Ieri con quel caldo la gita viene segnalata 3 , oggi 26 temperature più fredde viene descritta ASSOLUTAMENTE DA SCONSIGLIARE chi ha ragione ? forse una scrematura di chi scrive sarebbe necessaria.

  3. Andrea dice:

    può darsi che sabato sia stata anche consigliabile... però oggi (26/02) lo zero termico più basso e il tempo nuvoloso ha fatto si che la neve (crosta non portante e vecchie tracce) restasse ghiacciata.

  4. Lorenzo dice:

    passato il weekend in Val Planica e confermo che sabato e domenica sembravano 2 stagioni diverse: sabato caldo e neve in pappa, domenica freddo e ben rigelato

  5. Sav dice:

    Ero anche io sulla Lavina ieri e, nonostante non possa certo essere definita come memorabile, non è nemmeno da sconsigliare drasticamente,a mio giudizio.I primi 200 metri sono tutto sommato ben sciabili anche se "macinati" dai passaggi, la parte mediana è irregolare con molte zone di crosta alternate a punti con neve rigelata ben sciabile.Nel bosco con un po'di attenzione e seguendo il letto del torrente dell'Alpe del Lago si esce indenni e senza grattare.Del resto la stagione è così e tutto sommato credo che sia tra le poche gite remunerative in friuli, in questo momento...

  6. Andrea dice:

    Grande Sav !il giustiziere... Comunque confermo

  7. Andrea dice:

    Considerato che ognuno ha i suoi standard qualitativi(forse io sarò più esigente rispetto a Sav), la sconsiglio. Diciamo che oggettivamente l'aggettivo "remunerativo" non è proprio adatto a questa gita. Dopo di che, i lettori decideranno se farsi la "ravanata" o andare a fare gite più remunerative.

  8. antonio dice:

    caro andrea inutile essere polemici, le condizioni erano buone, per i tempi che corrono le giulie offrono sempre buone gite, e ricordati che lo scialpinismo non è solo discesa e polvere ma innanzitutto avventura!!!

  9. Sav dice:

    forse è perchè la stagione avara di grandi nevicate ci sta innervosendo :) alla fine è sempre un fatto di gusti e palati.Personalmente la sciata non è sempre al primo posto (anche se qualche bella curva ci starebbe ogni tanto!)quanto piuttosto l'ambiente.Ora speriamo che venga però!!!

  10. Mac dice:

    Mi sorprende il commento di Enrico. E' normale che sabato fosse decente col caldo e poi domenica pessima con il ritorno di temperature più basse. Era così su tutti i versanti N e simili. Rigelo dopo la scaldata, io ero in Riofreddo e scendere è stata un'impresa, crosta non portante e sotto alto spessore di morbido quasi marcio. Buono per far gamba, se non altro, e comunque non ci aspettavamo di meglio... è semplice algebra delle temperature.

Lascia un commento