Scivolare.it

Valanghe e incidenti, perchè le vittime sono sempre gli esperti e i prudenti?

Pubblicato il: 17/12/2012 Nessun commento

Una interessante riflessione tratta dal sito Montagna.org

“Era un grande esperto di montagna”, “molto prudente”, “assolutamente non spericolato”. Sono queste le frasi che circolano, immancabilmente, il giorno dopo un incidente in montagna. Circolano oggi, dopo che alcune persone sono morte travolte dalle valanghe di neve fresca dopo forti precipitazioni. E sono circolate in quasi tutti i grossi incidenti recenti e meno recenti in quota.

Voglio chiedervi perchè. Perchè venerdì è arrivata una grossa nevicata e tra ieri e oggi ci è toccato scrivere di 5 morti in valanga. Colpa dei giornali? Simpatica idea. Basterebbe chiuderli e sarebbero tutti vivi, allora? Poi vorrei sapere perchè, più spesso di quanto sarebbe logico, sono i prudenti e gli esperti a finire vittima di incidenti. Pensateci sinceramente. Le possibilità sono tre: non erano così esperti, lo erano ma hanno sottovalutato la situazione, sono solo sfortunati.....

Continua a leggere su Montagna.org

Autore: Montagna.org
Tratto da:

Commenti:

  1. Hans Guarda dice:

    1) Non c'è expertise che tenga e nessun bollettino può garantire alcunché. 2) L'esperienza e una buona lettura continua delle informazioni da casa e sul campo nel tempo sono indicative ma nulla di più dal momento che le scelte sono soggettive. 3) Anche l'esperienza può talvolta trarre inganno.

  2. ZUC dice:

    L'esperienza è importantissima. Ma più dell'esperienza tecnica, conta l'esperienza dell'umiltà. Questo tipo di esperienza è quella che ti porta più spesso a casa sano e salvo.

Lascia un commento