Scivolare.it

Promotur: la nostra grande mamma!

Pubblicato il: 15/12/2012 Nessun commento

Si apprende dal sito promotur che lo scialpinista e' un soggetto a liberta' vigilata. Leggendo i vari punti presenti nel regolamento che disciplina le risalite notturne sulle piste della regione, si avverte un senso di soffocamento per le limitazioni imposte agli appassionati di questa disciplina che solo ora vengono presi in considerazione per motivi prevalentemente di immagine.

Prevale un atteggiamento "repressivo" che vuole controllare tutto e tutti: essere forti con i deboli e deboli con i forti (scialpinisti con poco potere contrattuale rispetto ai grandi interessi che muove lo sciatore pistaiolo) dimostrando quanto i poteri istituzionali tutelino i cittadini! Credo sarebbe opportuno, per chi se lo puo' permettere, migrare verso località sciistiche straniere, che sebbene risultino all'epoca delle caverne, sicuramente permettono di vivere liberi.

P.s.: per chi e' convinto che invece vada bene la proposta promotur, si ricordi che le risalite sono obbligatoriamente da effettuarsi almeno in due, tenendosi per mano ovviamente!

Autore: Valter Blasutti
Tratto da:

Commenti:

  1. Alberto dice:

    Se uno è scialpinista, beh..ma non ha altri posti da frequentare che risalire, magari in processione, le piste? Che scialpinismo è? Eppoi, ad esempio nel caso del "Pellegrino", a Tarvisio, ai tanti scialpinisti che salgono per la "Via Crucis", la pista, però, in discesa, non fa così schifo.. Perchè, in nome delal coerenza, non provano scendere da dove son saliti?..O, in quel caso, la Promotur non fa poi così schifo? Ma siamo seri e basta attacchi strumentali a Promotur, andiamo. Hai scritto fesserie. Scusami, senza offesa, ma io la vedo così.

  2. Valter dice:

    Bingo! Non riesco proprio a cogliere il nesso tra Confcommercio e Promotur...! Comunque la risposta all'articolo non c'azzecca proprio e se uscisse dal suo ruolo istituzionale anche lei sarebbe in grado di riconoscerlo. Cordialmente

  3. paolo acerbi dice:

    l'unica soluzione è boicottare promotur, smetteranno di farsi ripianare le perdite (da noi contribuenti, peraltro, quindi speriamo smettano presto) e prima o poi falliranno, come meritano e il suo presidente smetterà di farsi lo snowpark davanti al suo ristorante e di assumere i suoi accoliti come da logica di partito (in questo caso lega & C )...solo in Italia potevano fare regole cosi assurde (difatti negli stati piu' evoluti - in senso sciistico e anche turistico - non esiste una cosa del genere), e solo in Italia qualcuno poteva anche dar loro ragione...

Lascia un commento