Scivolare.it

Stéphane Brosse, campione di scialpinismo, muore sul Monte Bianco

Pubblicato il: 19/06/2012 Nessun commento

Il campione dello scialpinismo francese Stéphane Brosse è morto sul Monte Bianco. Ieri mattina il 41enne di Pont-de-Beauvoisin era impegnato nella traversata franco-svizzera Les Contamines – Champex insieme allo skyrunner Kilian Jornet, che con questa impresa inaugurava il progetto “Summit of my life”. I due si trovavano a 3900 metri di quota, in cima all’Aiguille d’Argentière, quando una cornice di neve si è staccata dalla montagna facendo precipitare Brosse per 600 metri nel vuoto.

L’incidente si è verificato nella mattinata di ieri sulla parete est dell’Aiguille d’Argentiere. Brosse e Jornet procedevano non legati in cordata, insieme a Sébastien Monta-Rosset e a Bastien Fleury. Secondo quanto riferiscono alcuni giornali francesi, avevano superato Les Dômes de Miage e l’Aiguille de Bionnassay, con l’intento di chiudere la traversata Les Contamines – Champex entro le 48 ore, e camminavano in cresta diretti al couloir Barbey.

Quando la cornice di neve ha ceduto, i compagni di Brosse l’hanno visto sparire 600 metri più sotto, senza poter fare nulla per salvarlo. Hanno chiamato immediatamente i soccorsi, ma per il campione dello skialp era ormai troppo tardi.

Stéphane Brosse, 41 anni, è stato tre volte campione del mondo, vincendo le gare individuali nel 2002 e nel 2004, e a staffetta nel 2006. Aveva vinto tre Pierra Menta, il Patrol Glacier nel 2006 e aveva fatto segnare il record di salita e discesa del Monte Bianco nel 2007, impiegando 4:07 per la salita e 01:07 e per la discesa.

Autore: Montagna.org
Tratto da:

Commenti:

Lascia un commento